Parlare di nucleare nel 2022 è anacronistico: il perché di Legambiente, WWF e Greenpeace



La Commissione Europea ha avanzato la proposta di inserire nucleare e gas naturale nella lista delle attività economiche sostenibili.


La risposta di Legambiente, Greenpeace e WWF è stata immediata.


1) I rincari in bolletta dipendono dalla forte dipendenza dell'Italia dall'importazione di gas e dai ritardi del governo nell'esecuzione del Green Deal, non di certo dalle fonti rinnovabili.


2) Nel corso dei decenni i costi del nucleare sono cresciuti mentre quello delle energie rinnovabili è diminuito. Tra l'altro, le rinnovabili non inquinano, non generano scorie e costituiscono una minaccia di gravi incidenti.


3) I cittadini Italiani si sono già espressi per due volte, nel 1987 e nel 2011, contro l'approvazione del nucleare.


4) Gli impianti nucleari di 3^ generazione di cui si vocifera in vari Paesi arriverebbero a coprire poco oltre il 2% della domanda energetica.



Fonti:

https://www.legambiente.it/comunicati-stampa/nucleare-greenpeace-legambiente-e-wwf-tornare-a-parlare-di-nucleare-e-un-esercizio-davvero-inutile-e-un-dibattito-sterile/?fbclid=IwAR1dmwh7GhuTbGPhn65fczo1ujSCCEvy2sGHobHMC54ffVqXNYpeocwRZAY

8 visualizzazioni0 commenti