top of page

Anello gravel della Piana!

Giro in GRAVEL o MTB




Caratteristiche


Lunghezza: Km 47

Tipo di terreno: sterrato e cilcabili 60 % asfalto 40% Difficoltà: medio/facile

Tempo: (3 ore) variabile in base all'allenamento

Tipologia: Gravel o Mtb

Partenza: Pistoia Capostrada

Arrivo: Pistoia Capostrada



Mappa Interattiva


Il file gpx scaricabile per usarlo con la propria applicazione


gravel piana
.gpx
Scarica GPX • 1.39MB

Il percorso


Partendo dalla Chiesa di Capostrada si procede verso il Villone Puccini e si attraversa fino a scendere in Via di Valdibrana. Poi si prende il ponte che ci troviamo di fronte e si svolta nella strada sterrata a destra e poi sempre dritto fino a via Marini. Si percorre la strada in direzione est fino ada rrivare in Porta San Marco, da qui si svolta in Via Nerucci proseguendo sempre dritto fino a imboccare la ciclabile che tramite un tunnel ci porta in zona Panorama.

Da qui si prosegue verso Montale fino al ponte e poco dopo si svolta in via Forramoro. Si percorre tutta la via fino a che diventa via Enzo nesti poi si imbocca via Berlinguer per un breve tratto e si svolta subito a destra tra le case e poi attraverso il ponte pedonale. Da qui sempre dritto si arriva fino all'argine della Bure attraversando i Vivai.

Dopo aver attraversato Agliana si imbocca Via Lungo Calice fino a Ponte de Bini e poi si prnde la sterrata sul lato est del torrente fino a Ponte Alla Caserana.


Si prosegue per Via Baccheretana fino a svoltare tra le case e imboccare la ciclabile che porta a Querciola.

Dopo aver percorso il perimetro del lago si attraversa il ponte pedonale e si arriva al semafono di Casini.

Da qui si prosegue dritto sulla cilabile fino a Valenzatico.


A vAlenzatico si prende a Destra per Via Vecchia Fiorentina e Via Campiglio della Stella e Via Pontassio, poi semrpe dritto fino a Ponte Stella. Qui si attraversa la strada e si prende l'Argine del Torrente Stella , poi Via Lungo stella fino a Bargi, San Pantaleo e poi Pontelungo. Da Pontelungo si imbocca l'argine del Torrente Ombrone e poi sempre dritto fino a Via Gora e Barbatole, da dove si riprende Viale Adua e si torna a Capostrada







Galleria immagini


Progetto "Mobilità dolce della Piana"











Comentarios


bottom of page