Giro in MTB per le colline sopra San Quirico

Aggiornamento: 16 dic 2021


Progetto salute, sport e sostenibilità realizzato grazie al contributo di Farmacie Comunali Pistoiesi




Il "videoriassunto"


Caratteristiche


Lunghezza: Km :29

Tipo di terreno: asfalto40%/sentiero60%

Difficoltà: Facile

Tempo: 2h

Altitudine minima: 65 slm

Altitudine massima: 575 slm

Tipologia: Mountain Bike

Partenza: Pistoia Parco della Rana

Arrivo: Pistoia Parco della Rana Adatto anche a: - E-Bike - Gravel Bike ( difficile) - Trail Runnig - Trekking


La mappa interattiva

Curva altimetrica




La mappa interattiva 3d


Il file gpx scaricabile per usarlo con la propria applicazione


San Quirico
.gpx
Download GPX • 234KB


Il percorso


Partenza da Parco della Rana

Partendo dalla zona stadio si procede verso est per via Marini proseguendo dritto alle varie rotonde fino ad arrivare in zona Porta San Marco e prendere Via Sestini. Alla rotonda del supermercato ci troviamo sulla sinistra l'Edicola di San Sebastiano e qui si imbocca la strada a sinistra.



La chiesa di Santa Maria assunta in San Rocco è un complesso di 2 chiese nella vicina-periferia di Pistoia.

La chiesa maggiore risale al Novecento al seguito della seconda guerra mondiale, ed è affiancata all'oratorio di San Rocco, sorto nel tardo Cinquecento e decorato da alcuni affreschi di Giovanni da San Giovanni, in parte custoditi ora al museo civico cittadino.




Il monumento votivo militare brasiliano di Pistoia, un tempo noto come cimitero militare brasiliano, è un sacrario militare eretto in onore dei soldati brasiliani caduti durante la seconda guerra mondiale in Italia. La Storia: Nel 1944 il Brasile entrò attivamente nel teatro bellico della seconda guerra mondiale inviando in Italia un contingente militare di circa 25 000 uomini che presero parte alla campagna d'Italia al fianco delle forze alleate contro quelle dell'Asse. In particolare la Força Expedicionária Brasileira (FEB) operò in Toscana nel settore occidentale del fronte nella valle del Serchio, in Versilia e Garfagnana e sull'Appennino tosco-emiliano nel quadro della offensiva della primavera 1945 raggiungendo al termine del conflitto la città di Torino. Al termine della guerra i corpi di 462 soldati e ufficiali brasiliani caduti furono tumulati nei pressi di Pistoia nella zona di San Rocco in uno dei tanti cimiteri militari sorti dopo il conflitto. Nel 1960 il governo brasiliano decise di riportare in patria le spoglie dei caduti che furono tumulati a Rio de Janeiro. Nel 1967 nel luogo ove sorgeva il cimitero fu eretto un monumento votivo.

Solo alla fine dei lavori venne rinvenuto il corpo di un ultimo militare che non era quindi stato trasferito in Brasile. Non fu possibile identificare il caduto e fu così deciso di lasciarlo a Pistoia come milite ignoto.



Si inizia a salire

Proseguendo sulla destra si attraversa un piccolo ponte sulla Bure e la strada diventa sterrata. Poco più avanti prendendo sulla destra per Via San Quirico la strada inizia a salire decisamente e assume pendenze anche piuttosto impegnative. Più avanti dopo l'Antico COnvento si svolta a destra e si raggiunge la Chiesa di San Quirico ormai in rovina



La chiesa di S. Quirico e Giuditta in San Quirico, risale alla prima metà del sec. XI. La chiesa anticamente aveva giurisdizione su tutta la valle della Bure di Santomoro e su parte della pianura fino a Chiazzano. Dopo il 1986 e il suo territorio è passato alla parrocchia di S. Maria Assunta in San Rocco.






Su per ardite salite sterrate

Da San Quirico si Prosegue verso il cimitero lungo strade forestali piuttosto sconnesse e molto ripide fino a salire a quota 446mt. Qui si incontra un bivio e si deve proseguire a destra e poi dritto per circa 500 metri fino a località La Casina dove si trova un grande edificio in rovina. Proseguendo per ancora 1 km ci si imbatte nell'antico abitato di Santa Lucia.


Da Santa Lucia si torna indietro e si prende a destra verso Poggio Castellare per una strada molto accidentata ( tanto da proseguire a spinta per i primi 2/300 mt) Dopo circa 1 km la strada si fa pianeggiante e si trova un bivio con più strade e si prende a destra in salita fino al prossimo bivio a quota 575 slm dove si svolta a sinistra. Da adesso la strada e tutta in discesa e in breve tempo conduce fino a Santomoro.


Da Santomoro si ritorna comodamente al punto di partenza tramite la strada principale per Candeglia, ma chi avesse ancora energie può seguire la traccia per allungare il percorso passando da Caloria e Cignano.




Galleria immagini







Progetto salute, sport e sostenibilità realizzato grazie al contributo di Farmacie Comunali Pistoiesi









Info tratte da Wikipedia enciclopedia libera.









52 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti